.
Annunci online

rip
Minimi cenni sui massimi sistemi


Diario


6 settembre 2011

Mistificazioni

 

Con questo preoccupante titolo, Corriere.it segnala il nuovo rapporto della QS sulle migliori università del pianeta.  Il messaggio che in qualche modo si legge in controluce è che le università italiane sono allo sbando, macchine che consumano denaro per regalare posti di lavoro ben remunerati agli amici degli amici. Di conseguenza, è perfettamente legittimo, se non doveroso, diminuire le risorse destinate alla formazione universitaria perché, quantomeno, il nulla prodotto dall’università costerebbe di meno, e lo dimostrerebbe la pretesa “superiorità” degli atenei privati.

Se però si vanno a guardare come vengono costruite queste classifiche, si possono fare osservazioni un po’ diverse: la classifica è stilata sulla media ponderata di sei parametri, ovverosia la reputazione accademica,  la reputazione di chi ci lavora, il numero di citazioni per ogni facoltà, il rapporto studenti/insegnanti, l’internazionalità degli studenti e degli insegnanti. I primi due parametri sono individuati con sondaggi, mentre i rimanenti sono calcolati in base a dati numerici (sono più “oggettivi”). Questo tipo di classifica solitamente favorisce gli atenei più grandi, che riescono più facilmente ad attrarre grossi investimenti, senza i quali non si fa ricerca. Il sistema italiano non è pensato per creare singoli istituti “eccellenti” (per usare un aggettivo largamente abusato), e soprattutto gode di risorse minori per la ricerca: è perfettamente ragionevole che nella classifica delle “migliori” (tra virgolette, perché il termine è ambiguo)  università non ci siano atenei italiani. Questo però non significa necessariamente che la formazione universitaria sia di basso livello: se così fosse, non si spiegherebbe come mai i “migliori” istituti del mondo si contendano i laureati nostrani.

Quanto al confronto tra pubblico e privato di casa nostra, diamo un’occhiata alle classifiche “per indice”: osserviamo che l’Università Cattolica è la prima italiana in classifica (al 248esimo posto) nel rapporto studenti/insegnanti, mentre l’Università di Padova è la prima italiana (al 136esimo posto) per produzione scientifica (misurata sulle pubblicazioni e normalizzata, in un modo non chiarissimo – “evaluated in some fashion to take into account the size of institution” –, sul personale). Si direbbe che l’ipertrofia degli organici non sia pertinenza delle università pubbliche.

In conclusione: non si vuole criticare la validità di questa particolare classifica, si vuole invece criticare la pessima abitudine di far dire a una statistica quello che la statistica non può dire (oltre al noto adagio “Lies, Big Lies, Statistics”). Chiaramente, al Corriere questo succede per colpa di Susanna Camusso.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Università classifiche a caso Tera Patrick

permalink | inviato da rip il 6/9/2011 alle 18:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Politica
Musica
Stuff
Notizie varie
Olimpia Milano - Quaderni Biancorossi
Idee per una carriera soddisfacente
One of us must know
Libri
La canzone del giorno

VAI A VEDERE

Paul's Tune
Marco Travaglio
Wastin' time
Tanto pe' ccantà
Ridere ridere ridere ancora
Franco Rossi
Trasferimenti galattici
Lega Basket
Il Corriere della Sera
Quel che resta di Cuore
Daniele Luttazzi
Io e l'Olimpia
Pianeta Olimpia


 

Questo blog vuole essere la risposta italiana a una domanda che nessuno ha posto. Risposta che ovviamente non va cercata fuori da sè, perchè la risposta è in ognuno di noi. E però, come ci ricorda il saggio Corrado Guzzanti, è sbagliata.


Disclaimer: nonostante vengano propugnate idee terroristiche,
questo blog non è affiliato ad Al Qaeda. Inoltre, per sicurezza, quieto vivere, pigrizia, snobismo e, forse, perfettismo, non aderisce a nulla. La BVA è un'eccezione.



Scegli la tua carriera soddisfacente
 

Letture più recenti


L. Grimaldi - L. Scalettari
1994


L. Sciascia
L'affaire Moro



S. Flamigni
  Convergenze parallele

 


Per qualsiasi evenienza...

Io li leggo

Alice (non in Chains)
Da sinistra

La prospettiva emiliana

Arciprete

Chiedilo al Dr. Van Harper

Repubblica delle Banane

Malvino

Conte Ugolino

Pubblica Amministrazione?

Galatea's world
Verso il massacro
Mikecas
Visto dal Canada

La tana della piccola iena
O' munaciell
Bp
Laico, quindi laicista

Cronache nostrane
Stronza. Ma perfetta
Ora, subito, adesso
Dolci Inganni
Un gonnellino dal futuro
A/R
La donna che la destra ci invidia (cit.)

Costruttivo

Convivenze
Nic
Aronne
P.B.
Valmadlene

Super C
Stile libero

Haccacizeta
Ad limina
Inserire nome del blog
Carta elettronica
E219
Irene...rene...ene...ne...e...
Litsius

Tess
Mk
Martenot-neon
Coffeeaholic

Una camminata londinese

Wallander

Candide
Da Gotham City
Di mattina
Brigante
Flash
Esperimento
Adx
Vulvia
Doppio Re
Nata in miniera?
Lady M.

Lui è Gians
Altro che la torre storta...
IlMa.Le
Invarchi
Jaime
Piove a dirotto
400 colpi. Di spazzola?
Familismo amorale
Qui niente nebbia
In..numerabile
Cristian
Diego
Ready to go
Mirabaud
Colazione non da Tiffany
Quarta di copertina
Kataklismi
A mano libera
Ramone
Gypsy Queen
(H)2G
Se proprio non ce la fai più...
Osteria dei Satiri
Poldone
Una tragedia
Excalibur
Il Lofa
Machiavellicoz

Per un'Olimpia migliore

>
Heracleum blog & web tools

CERCA