.
Annunci online

rip
Minimi cenni sui massimi sistemi


Diario


9 maggio 2011

La frase più mostruosa di tutte: qualcuno è morto "al momento giusto"

Scritto nell'estate del 1978, a distanza di pochi mesi dai fatti, l'Affaire Moro di Leonardo Sciascia è forse un esempio di instant book ante litteram. Sciascia, contrario al compromesso storico e in rotta con il PCI, analizza in profondità il poco materiale disponibile sul caso Moro, del quale si occuperà negli anni successivi quale membro della Commissione parlamentare di inchiesta. Il "poco materiale disponibile" per la scrittura del libro si può elencare facilmente: i comunicati delle BR e gli articoli pubblicati sui giornali nei 55 giorni (il dizionario del Tommaseo, citato in varie occasioni, non è esattamente una fonte). Il tutto tenuto insieme dal talento dell'«intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà, la follia e il mistero» (Pasolini viene richiamato esplicitamente da Sciascia, ma l'accostamento sarebbe stato naturale).
Da intellettuale, infatti, Sciascia intuisce l'importanza dell'allora - e, per molti versi, tuttora - inedito  "memoriale Moro", come saranno poi ribattezzate le carte scritte dal presidente della DC durante la prigionia. Solo nel 1990, infatti, furono scoperti in via Monte Nevoso, a Milano, i documenti che riguardavano la struttura Stay Behind (Gladio) - curiosamente, nessuno nell'ottobre del 1978 li aveva trovati. Lo scrittore individua correttamente le divisioni tra i brigatisti, e riconosce nel falso comunicato numero sette (non era ancora noto l'autore, Chichiarelli, un falsario legato alla banda della Magliana) un fondamentale snodo della vicenda.
Sciascia rende giustizia alla figura di Moro, sgombrando il campo dalle mistificazioni democristiane che lo volevano Statista integerrimo, reso purtroppo incapace di intendere e volere dalla condizione di prigionia. Al contrario, secondo lo scrittore siciliano, il presidente della DC era perfettamente lucido e non si capacitava dell'atteggiamento improvvisamente rigido dei suoi compagni di partito (tre anni più tardi, in occasione del sequestro Cirillo, la reazione al rapimento fu molto diversa): Moro reclamava un trattamento da prigioniero di guerra, per la cui liberazione è legittimo trattare, rivendicando anche sue posizioni espresse in tempi non sospetti. Insomma, qualcosa di molto lontano dal servitore della Ragion di Stato che mette in secondo piano la propria vita.
Se vogliamo trovare un neo, Sciascia forse trascura di controllare (e forse lo fa intenzionalmente, spingendo il lettore a controllare da sè) chi fosse il Caetani che dà il nome alla via in cui fu fatto ritrovare il cadavere di Moro: non era nè l'arabista nè, genericamente, la famiglia a cui appartenne papa Bonifacio VIII, bensì Michelangelo Caetani, apprezzato dantista. Ed è un peccato che non l'abbia sottolineato, perchè si sarebbe potuto collegare a un'interessante osservazione che si legge nelle prime pagine:
«Prima che lo assassinassero, [Moro] è stato costretto, si è costretto, a vivere per circa due mesi un atroce contrappasso: sul suo "linguaggio completamente nuovo", sul suo latino incomprensibile quanto l'antico. Un contrappasso diretto: ha dovuto tentare di dire col linguaggio del nondire, di farsi capire adoperando gli stessi strumenti che aveva adottato e sperimentato per non farsi capire. Doveva comunicare utilizzando il linguaggio dell'incomunicabilità. Per necessità: e cioè per censura e per autocensura. Da prigioniero. Da spia in territorio nemico e dal nemico vigilata».
Inquietante è però il finale, dal sapore profetico per il lettore di oggi che conosce il seguito: è il 24 agosto 1978, e Sciascia ricorre a una citazione di J.L. Borges (Ficciones):
«Ho già detto che si tratta di un romanzo poliziesco... A distanza di sette anni, mi è impossibile recuperare i dettagli dell'azione; ma eccone il piano generale, quale l'impoveriscono (quale lo purificano) le lacune della mia memoria. C'è un indecifrabile assassinio nelle pagine iniziali, una lenta discussione nelle intermedie, una soluzione nelle ultime. Poi, risolto ormai l'enigma, c'è un paragrafo vasto e retrospettivo che contiene questa frase: "Tutti credettero che l'incontro dei due giocatori di scacchi fosse stato casuale". Questa frase lascia capire che la soluzione è sbagliata. Il lettore, inquieto, rivede i capitoli sospetti e scopre un'altra soluzione, la vera.»

sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Politica
Musica
Stuff
Notizie varie
Olimpia Milano - Quaderni Biancorossi
Idee per una carriera soddisfacente
One of us must know
Libri
La canzone del giorno

VAI A VEDERE

Paul's Tune
Marco Travaglio
Wastin' time
Tanto pe' ccantà
Ridere ridere ridere ancora
Franco Rossi
Trasferimenti galattici
Lega Basket
Il Corriere della Sera
Quel che resta di Cuore
Daniele Luttazzi
Io e l'Olimpia
Pianeta Olimpia


 

Questo blog vuole essere la risposta italiana a una domanda che nessuno ha posto. Risposta che ovviamente non va cercata fuori da sè, perchè la risposta è in ognuno di noi. E però, come ci ricorda il saggio Corrado Guzzanti, è sbagliata.


Disclaimer: nonostante vengano propugnate idee terroristiche,
questo blog non è affiliato ad Al Qaeda. Inoltre, per sicurezza, quieto vivere, pigrizia, snobismo e, forse, perfettismo, non aderisce a nulla. La BVA è un'eccezione.



Scegli la tua carriera soddisfacente
 

Letture più recenti


L. Grimaldi - L. Scalettari
1994


L. Sciascia
L'affaire Moro



S. Flamigni
  Convergenze parallele

 


Per qualsiasi evenienza...

Io li leggo

Alice (non in Chains)
Da sinistra

La prospettiva emiliana

Arciprete

Chiedilo al Dr. Van Harper

Repubblica delle Banane

Malvino

Conte Ugolino

Pubblica Amministrazione?

Galatea's world
Verso il massacro
Mikecas
Visto dal Canada

La tana della piccola iena
O' munaciell
Bp
Laico, quindi laicista

Cronache nostrane
Stronza. Ma perfetta
Ora, subito, adesso
Dolci Inganni
Un gonnellino dal futuro
A/R
La donna che la destra ci invidia (cit.)

Costruttivo

Convivenze
Nic
Aronne
P.B.
Valmadlene

Super C
Stile libero

Haccacizeta
Ad limina
Inserire nome del blog
Carta elettronica
E219
Irene...rene...ene...ne...e...
Litsius

Tess
Mk
Martenot-neon
Coffeeaholic

Una camminata londinese

Wallander

Candide
Da Gotham City
Di mattina
Brigante
Flash
Esperimento
Adx
Vulvia
Doppio Re
Nata in miniera?
Lady M.

Lui è Gians
Altro che la torre storta...
IlMa.Le
Invarchi
Jaime
Piove a dirotto
400 colpi. Di spazzola?
Familismo amorale
Qui niente nebbia
In..numerabile
Cristian
Diego
Ready to go
Mirabaud
Colazione non da Tiffany
Quarta di copertina
Kataklismi
A mano libera
Ramone
Gypsy Queen
(H)2G
Se proprio non ce la fai più...
Osteria dei Satiri
Poldone
Una tragedia
Excalibur
Il Lofa
Machiavellicoz

Per un'Olimpia migliore

>
Heracleum blog & web tools

CERCA