.
Annunci online

rip
Minimi cenni sui massimi sistemi


Diario


19 agosto 2008

Vagiti

Si apre la stagione 2008/09 dell’Olimpia completamente griffata Armani. Dopo tre anni di sponsorship, il grande stilista è finalmente divenuto proprietario della società biancorossa mettendo fine all’era-Corbelli. Un periodo che dal punto di vista dei risultati può non essere considerato del tutto negativo ma durante il quale si è assistito a uno scempio dei valori di serietà e trasparenza che hanno contraddistinto nei decenni l’Olimpia.

Forse anche per assaporare di nuovo questo ritrovato clima in molti (350 secondo la società, 8 per la Questura) si sono ritrovati sugli spalti del PalaLido per assistere all’avvio della nuova stagione. Nonostante le assenze di molti dei principali acquisti (Mordente e Vitali in Nazionale, insieme con Bulleri, Hawkins e Sow alle prese con problemi burocratici), molto calorosa è stata l’accoglienza per i giocatori e per lo staff tecnico. L’allenamento è stato tutt’altro che intenso: una breve sgambata e una sessione di tiro di circa mezz’ora e poi via libera agli autografi e alle fotografie.

È chiaramente difficile dare un qualche giudizio fondato sui giocatori più sconosciuti del roster milanese, Sangarè e Mike Hall. L’impressione, per il pochissimo visto, è che il francese sia in possesso di un ottimo movimento di tiro, molto sciolto. La dirigenza (leggi: il GM Zanca in mezzo al campo a colloquio con i tifosi) fa di tutto per levargli pressione, insistendo nel dire che il ragazzo partirà in fondo alle rotazioni degli esterni, e che il suo acquisto si spiega soprattutto con la grande voglia del parigino di giocare a Milano. Mi permetto di dubitare che l’Olimpia abbia usato il tesseramento di un comunitario solo per completare il roster, e credo che il ragazzo avrà molto più spazio. Quanto all’ala forte americana, ha mostrato una bella meccanica di tiro, molto pulita, e un fisico sicuramente all’altezza del compito per il quale è stato preso. Insomma, le potenzialità paiono esserci.

Ultima grande curiosità, Marko Micevic. Il serbo, italiano di formazione, viene da due stagioni difficili, con un grave infortunio al ginocchio – completamente recuperato – subito a Casalpusterlengo e un’annata a disputare solo il campionato Under 19 con la maglia dell’Olimpia. Il ragazzo ha ottime qualità, un fisico possente, tanta grinta e un gran tiro. L’anno agli ordini di Montefusco non gli avrà sicuramente fatto male dal punto di vista dell’attitudine difensiva, anche se bisognerà assolutamente che il serbo si riabitui fin da subito a marcare i piccoli. A precisa domanda, ha confermato di essere nell’organico come numero tre, e dunque, in teoria, l’unica ala piccola veramente di ruolo. Se si può fare una critica al mercato di quest’anno, un giocatore tra Sangarè e Filloy pare di troppo: non sarebbe stata una cattiva idea, a mio avviso, quella di provare a prendere Datome come cambio dell’ala piccola. Tuttavia, se si ritiene che quel ruolo possa essere ricoperto da Micevic l’obiezione cade: Marko è un prodotto del vivaio Olimpia e sarebbe bello che gli venisse offerta l’occasione di mettersi in mostra.

sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Politica
Musica
Stuff
Notizie varie
Olimpia Milano - Quaderni Biancorossi
Idee per una carriera soddisfacente
One of us must know
Libri
La canzone del giorno

VAI A VEDERE

Paul's Tune
Marco Travaglio
Wastin' time
Tanto pe' ccantà
Ridere ridere ridere ancora
Franco Rossi
Trasferimenti galattici
Lega Basket
Il Corriere della Sera
Quel che resta di Cuore
Daniele Luttazzi
Io e l'Olimpia
Pianeta Olimpia


 

Questo blog vuole essere la risposta italiana a una domanda che nessuno ha posto. Risposta che ovviamente non va cercata fuori da sè, perchè la risposta è in ognuno di noi. E però, come ci ricorda il saggio Corrado Guzzanti, è sbagliata.


Disclaimer: nonostante vengano propugnate idee terroristiche,
questo blog non è affiliato ad Al Qaeda. Inoltre, per sicurezza, quieto vivere, pigrizia, snobismo e, forse, perfettismo, non aderisce a nulla. La BVA è un'eccezione.



Scegli la tua carriera soddisfacente
 

Letture più recenti


L. Grimaldi - L. Scalettari
1994


L. Sciascia
L'affaire Moro



S. Flamigni
  Convergenze parallele

 


Per qualsiasi evenienza...

Io li leggo

Alice (non in Chains)
Da sinistra

La prospettiva emiliana

Arciprete

Chiedilo al Dr. Van Harper

Repubblica delle Banane

Malvino

Conte Ugolino

Pubblica Amministrazione?

Galatea's world
Verso il massacro
Mikecas
Visto dal Canada

La tana della piccola iena
O' munaciell
Bp
Laico, quindi laicista

Cronache nostrane
Stronza. Ma perfetta
Ora, subito, adesso
Dolci Inganni
Un gonnellino dal futuro
A/R
La donna che la destra ci invidia (cit.)

Costruttivo

Convivenze
Nic
Aronne
P.B.
Valmadlene

Super C
Stile libero

Haccacizeta
Ad limina
Inserire nome del blog
Carta elettronica
E219
Irene...rene...ene...ne...e...
Litsius

Tess
Mk
Martenot-neon
Coffeeaholic

Una camminata londinese

Wallander

Candide
Da Gotham City
Di mattina
Brigante
Flash
Esperimento
Adx
Vulvia
Doppio Re
Nata in miniera?
Lady M.

Lui è Gians
Altro che la torre storta...
IlMa.Le
Invarchi
Jaime
Piove a dirotto
400 colpi. Di spazzola?
Familismo amorale
Qui niente nebbia
In..numerabile
Cristian
Diego
Ready to go
Mirabaud
Colazione non da Tiffany
Quarta di copertina
Kataklismi
A mano libera
Ramone
Gypsy Queen
(H)2G
Se proprio non ce la fai più...
Osteria dei Satiri
Poldone
Una tragedia
Excalibur
Il Lofa
Machiavellicoz

Per un'Olimpia migliore

>
Heracleum blog & web tools

CERCA